Realizzazione progetto di semi-automazione del ciclo produttivo dalla fase di riempimento a quella di carico del prodotto su bancale per stoccaggio a magazzino

 In Comunicazioni Istituzionali

LA SPESA PER L’INVESTIMENTO E’ STATA IN PARTE FINANZIATA DALLA REGIONE DEL VENETO NELL’AMBITO DEL POR FESR 2014-2020 AZIONE 3.1.1 PER L’IMPORTO DI EUR 67.500,00

SINTESI DEL PROGETTO:
Il progetto è realizzato tramite acquisto di impianti specifici di processo per il ciclo:
RIEMPIMENTO – TAPPATURA – ETICHETTATURA – FORMAZIONE CARTONI – INCARTONAMENTO – NASTRAZIONE – CHIUSURA IMBALLI – PALLETTIZZAZIONE -CARICO

Il progetto ha previsto l’acquisto dei seguenti macchinari:

  • RIEMPITRICE LINEARE 6 TESTE CON MISUR.MAGNET.
  • TAPPATORE LINEARE P& P+VIBRATORE+ELEVATORE
  • 2 ETICHETTATRICI A 2 TS (TANICHE E IMBALLI) + MARCATORE LOTTO
  • FORMATORE CARTONI AUTOMATICO + INCARTONATORE TANICHE + NASTRATRICE AUTOMATICA CHIUSURA IMBALLI
  • PALETIZZATORE IMBALLI SU PEDANA
  • SISTEMA SCARICO TANICHE 10 LT

Descrizione:
Il progetto ha portato alla realizzazione di una linea di semi-automazione del processo che dall’imbottigliamento termina con la pallettizzazione e stoccaggio a magazzino dei prodotti detergenti.
Viene stimato un significativo aumento dell’efficienza degli impianti che dovrebbe comportare un aumento della capacità produttiva fino al +25%. Rispettati i criteri di sostenibilità ambientale e riduzione dei costi in quanto la nuova linea consentirà una minor dispersione di semilavorati liquidi, essendo le nuove attrezzature di imbottigliamento predisposte per assicurare una drastica riduzione della dispersione di detergente fuori dai contenitori ed un conseguente minor consumo di acqua. Si prevede una riduzione della dispersione di oltre l’80 per cento ed una riduzione di consumo idrico (nel processo e nelle pulizie dello stabilimento) di circa il 50%.
I meccanismi di supporto al carico e scarico rilevano sulla salute per il lavoratore in quanto la fase di carico a bancale, prima manuale, ora avviene in modo semiautomatico alleviando i carichi manuali.
In sintesi gli obiettivi raggiunti sulla base degli input di progetto:

  • Risparmio energetico (macchinari a minor consumo di energia elettrica);
  • Entrata in stand by del macchinario quando resta fermo per un certo lasso di tempo (risparmio energia);
  • Recupero aria compressa (il generatore di aria compressa lavora meno e si realizza un risparmio energetico);
  • La possibilità di produrre lotti più grandi si traduce in una riduzione dei cicli di risciacquo in un minor consumo di acqua e in un minor sversamento di residuo di lavaggio da smaltire (profilo ambientale);
  • Minori impatti sul lavoratore a salvaguardia della salute.
Articoli recenti
Scrivici

Questo è un messaggio inviato dal sito interchemitalia.it

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt