Disinfettanti: quali principi attivi preferire?

Ogni disinfettante contiene un principio attivo che, presente in una determinata percentuale all’interno del prodotto, garantisce un’azione biocida specifica. Prima di presentare richiesta di autorizzazione per un prodotto disinfettante è quindi indispensabile verificare che il/i principi attivi presenti in esso siano contenuti nell’elenco ECHA.

Assunto che questi principi attivi sono quindi approvati a livello legislativo e per questo utilizzati all’interno dei disinfettanti, è fondamentale per l’utilizzatore finale capire come scegliere un disinfettante anche in base al principio attivo che lo caratterizza. In questo articolo di Interchem Italia cercheremo quindi di capire come scegliere il disinfettante giusto, e in particolar modo il principio attivo più adatto alle nostre esigenze.

Esistono differenti raccomandazioni nazionali sul principio attivo da utilizzare in base al materiale e ai microorganismi da trattare.

Il materiale da trattare e il principio attivo adatto

Quando si trattano sostanze chimiche, è indispensabile sapere che non tutti i materiali su cui verranno utilizzate queste sostanze avranno la stessa risposta una volta venute a contatto con il prodotto. Per questo, in particolar modo quando si parla di disinfettanti, è indispensabile preferire quelli che contengono principi attivi che non corrodano i materiali presenti nei nostri ambienti.

L’Istituto Superiore della Sanità, all’interno del rapporto n.19 del 2020, ha dato dei suggerimenti sui principi attivi da utilizzare in base alle superfici.

Suggerisce un detergente neutro contenente ipoclorito allo 0,1% oppure etanolo al 70% per materiali in pietra, vetro e superfici metalliche.

Per le superfici in legno un disinfettante a base alcolica e specificatamente con una concentrazione al 70%.

In generale, nel rapporto viene suggerito anche l’utilizzo di un disinfettante a base di sali quaternari d’ammonio che, rispetto ad altri principi attivi, si presta sicuramente ad essere utilizzato su più materiali.

Principi attivi e azione disinfettante

La seconda valutazione da fare nella scelta di un principio attivo riguarda la sua funzionalità. Ogni disinfettante, e in particolar modo il principio attivo in esso contenuto, svolge una funzione biocida, ossia si occupa di eliminare i microorganismi che rimangano sulle superfici dopo la fase di pulizia.

In base al tipo di principio attivo, alla sua concentrazione e, ovviamente, alle istruzioni in etichetta sulla diluizione del prodotto, l’attività biocida può essere di tre tipi: battericida, fungicida o virucida. Attiva, quindi, contro batteri, funghi o virus, o su più di questi microorganismi.

È fondamentale tenere in considerazione nella scelta di un disinfettante anche l’attività che vogliamo vada a svolgere. Visto che, però, non siamo in grado di definire facilmente e obiettivamente a priori quali siano i microorganismi che si depositano sulle superfici dei vari ambienti, e che è ipotizzabile che si possa trovare una combinazione di tutti e tre, è preferibile scegliere un disinfettante che contenga un principio attivo in grado di agire su batteri, funghi e virus.

Sostanzialmente, per scegliere un disinfettante con un principio attivo che rispecchi e soddisfi le nostre esigenze, è necessario valutare due fattori: gli ambienti, e di conseguenza i materiali da trattare all’interno di questi, e l’azione che vogliamo il disinfettante svolga.

Le soluzioni di Interchem Italia

Interchem Italia ha studiato e formulato una serie di soluzioni disinfettanti che agiscono ad ampio spettro sui microorganismi e che sono in grado di agire su diversi materiali senza intaccarne le proprietà. Tra questi:

Il PMC Argonit Disinfettante, una soluzione per superfici e mani a base alcolica che corrisponde perfettamente alle indicazioni rilasciate dall’ISS. Il disinfettante ideale per agire contro virus batteri e funghi.

Muniocid DD 70, con un principio attivo a base di sali quaternari d’ammonio, è il disinfettante virucida che meglio si presta all’utilizzo su materiali come alluminio, acciaio e polietilene, utilizzati all’interno di ospedali e centri sanitari. Un disinfettante versatile per diverse superfici, ottimo per differenti settori di utilizzo.

RTU Plus è invece il pronto all’uso che grazie ai sali quaternari d’ammonio può facilmente essere utilizzato su differenti superfici. Ottimo per diversi contesti di utilizzo ed essendo registrato come detergente disinfettante è ideale da utilizzare anche in condizioni di sporco.